Care presenze – Sandra Petrignani

  CARE PRESENZE Sandra Petrignani Neri Pozza È un’estate fredda, quella del 2002, stranamente immobile. La casa in campagna di Olga e suo marito brulica di vita: ci sono i figli con i rispettivi consorti, amici che si trattengono, ex mariti ancora legati a questa grande famiglia allargata, due bambine piccole intraprendenti e affascinate dalla loro stessa capacità di immaginazione che “galoppa più veloce della volontà“. Le due bambine, stregate dal mistero della casa abbandonata…

Continue reading

La strada – Cormac McCarthy

    LA STRADA Cormac McCarthy Einaudi Il mondo, come lo conosciamo oggi, è finito. Un grande romanziere americano, Stephen King, direbbe che “è andato avanti”. Cenere ovunque. Polvere. Alberi morti. Niente animali. Rovine e macerie. Un cielo grigio, freddo, silenzioso, senza albe o tramonti. Pochi sopravvissuti, scheletrici, ridotti alla disperazione, alla fame, morti viventi disposti ad uccidere per una vecchia scatoletta di fagioli, o a mangiarsi l’un altro per allungare il tormento un giorno…

Continue reading

Uomini e topi – John Steinbeck

  UOMINI E TOPI John Steinbeck Bompiani Una scrittura sobria e ricca di dialoghi, “Uomini e topi” fu pensato dallo stesso autore per un pubblico, i braccianti della California, poco più che analfabeta, permette una lettura veloce e quasi disincantata di un’America devastata dalla sua peggiore crisi economica. George e Lennie, il primo piccolo di corporatura ma scaltro, il secondo un gigante con la mente di un bambino, incline suo malgrado a mettersi nei guai,…

Continue reading

L’attentato – Yasmina Khadra

L’ATTENTATO Yasmina Khadra Sellerio Il dottor Amin Jaafari, figlio di beduini, arabo naturalizzato israeliano, l’orrore lo vive quotidianamente: rinomato chirurgo in un ospedale di Tel Aviv, spesso è obbligato a fare gli straordinari per ricucire corpi irriconoscibili dilaniati dagli attentati di matrice islamica che travolgono la città. Ma l’incubo peggiore, Amin, lo vive quando scopre di essere marito di una kamikaze che si è fatta saltare in aria in un bar, annientando in un attimo…

Continue reading

E Johnny prese il fucile – Dalton Trumbo

E JOHNNY PRESE IL FUCILE Dalton Trumbo Bompiani 1918, ultimo giorno della Grande Guerra: Joe, diciannovenne spinto a imbracciare le armi da sciocco spirito patriottico, viene colpito da una palla di cannone. Conseguenze: perde le braccia, le gambe, il volto, la vista, l’udito, le parole. Tutto. O quasi. Perché in quell’ammasso di carne che rimane, per un crudele scherzo del destino, solo il suo cervello continua a funzionare. Tenuto in vita da macchinari che gli…

Continue reading